Sibfr06

1559

GABRIELLO SYMEONI, La vita et Metamorfoseo d’Ovidio, Lione, XIV, p. 182

Sibylla Cumana amata da Febo impetra di vivere a misura della polvere che haveva in mano

Misero l’huom, ch’in se stesso si fida,

et di ciò, ch’ei desia, non prende cura.

La Sibylla ch’in sen di Cuma annida

gl’anni suoi con la rena in man misura,

essaudita da Febo (come Mida

da Bacco) piange poi di sua sventura,

et duolsi (tanto l’invecchiar l’annoia)

ch’l suo fosse desio non vuol che muoia.