09: Pigmalione

Titolo dell'opera: Pigmalione veste la statua

Autore: Anonimo

Datazione: 1470 ca.

Collocazione: Oxford, Bodleian Library, Douze MS 195, c. 150 r.

Committenza: 

Tipologia: miniatura

Tecnica: 

Soggetto principale: Pigmalione veste la statua

Soggetto secondario: 

Personaggi: Pigmalione; statua

Attributi: arnesi (Pigmalione); rigidità (statua)

Contesto: scena di interno

Precedenti:

Derivazioni:

Immagini:

Bibliografia: Agamben G., Stanze. La parola e il fantasma nella cultura occudentale, Torino, 1977, p. 75. Guillaime de Lorris – Jean de Meun, Le Roman de la Rose, versione italiana a fronte di D’Angelo Matassa G., L’Epos, Palermo, 1993, 2 vol., pp. 1364- 1366.

Annotazioni redazionali: La miniatura raffigura un momento del mito presente nel racconto ovidiano, ma che all’interno del Roman de la rose acquisisce maggiore importanza,  tanto da occupare un gran numero di versi (Pigfm11). Jean de Meun infatti descrive minutamente tutti i capi di vestiario, le stoffe ed i colori, gli ornamenti ed i gioielli con cui lo scultore adorna la sua statua. In ciò si può vedere il carattere di insana passione dello scultore, come egli stesso più volte riconosce, ma anche la ripresa di un topos della lirica trobadorica. La vestizione della statua è presente anche nell’ Ovide moralisé (Pigfm07), ma viene interpretata come dono di virtù, simboleggiate da abiti e gioielli, da parte di Dio all’uomo.

                    Silvia Trisciuzzi