32: Dedalo e Icaro

Titolo dell'opera: Caduta di Icaro

Autore: Cavalier d’Arpino, eseguita da Raphael Giudi

Datazione: 1600

Collocazione: Roma, Gabinetto Nazionale delle Stampe

Committenza:

Tipologia: incisione

Tecnica:

Soggetto principale: Caduta di Icaro

Soggetto secondario:

Personaggi: Dedalo e Icaro

Attributi: ali (Dedalo e Icaro)

Contesto: all’aperto

Precedenti:

Derivazioni:

Immagini:

Bibliografia: Il Cavalier d’Arpino, Roma Palazzo Venezia giugno-luglio 1973, Roma 1973, p. 135, fig. V; The Oxford guide to classical mythology in the arts 1500–1990, University Press, Oxford 1993, p. 588.

Annotazioni redazionali: Con molta probabilità questa incisione del Guidi si basa su un disegno del Cesari. La composizione deriva dalle raffigurazioni dello stesso tema del Goltzius (Cfr. scheda opera 31), ne diminuisce però gli scorci rendendo il tutto più ornamentale e formale; la figura di Dedalo viene messa in primo piano. In questo modo si adatta bene allo scopo di incisione autonoma, oggetto da collezionista di stampe. Sono molti gli esemplari di questa incisione tanto da trarne una copia in uno dei soffitti di Wilton House, Wiltshire. Nell’Ottocento questa incisione fu considerata paradigmatica per il Manierismo del Cinquecento. La dedica a Pietro Bernini il quale nel 1600 era a Napoli, lega in maniera troppo ricercata il tema con l’assenza del Bernini a Roma (Dedica: Petro Bernino Florentino Sculptori egregio / Daedalum hunc ex Officina profectum sua / Dat dicat Raphael Guidus Florentinus / Huius ex animo animum ut spectet suum, / Absentis amici desiderio flagrantem aeque ac / Amissi filii desiderio flagrat Dedalus); forse Guidi voleva rendere omaggio al Bernini, usando questo racconto e offrendogli una creazione del Cavalier d’Arpino, che secondo il Baldinucci, era stato il maestro del Bernini nel disegnare. In alto sulla destra è presente il sole, causa della caduta. Icaro è già in caduta con la testa all’ingiù e le ali ormai distrutte. Il personaggio di Dedalo nella sua postura sembra quasi che sia assistendo ad una apparizione.

Daphne Piras