26: Dedalo e Icaro

Titolo dell'opera: Caduta di Icaro

Autore: Virgil Solis

Datazione: 1563

Collocazione: Metamorphoses Ovidii, argumentis quidem soluta oratione, Enarrationibus autem et Allegorjs Elegiaco versu accuratissime Expositae; summaque; diligentia ac studio illustrate; per M Johan. Sprengium Augustan una cum vivis singularum transformationum iconibus, a Vergio Solis, eximio pittore, dilineatis, 1563

Committenza:

Tipologia: incisione

Tecnica: xilografia

Soggetto principale: caduta di Icaro

Soggetto secondario: Dedalo vola

Personaggi: Dedalo e Icaro

Attributi: ali (Dedalo e Icaro)

Contesto: all’aperto, marino

Precedenti: Bernard Salomon, Le Metamorphose d'Ovide figureè,a Lyon par Ian de Tournes. Avec privilegi du Roy, Lione 1557 (Cfr. scheda opera 23)

Derivazioni:

Immagini:

Bibliografia: Benezit E., Dictionnnaire des Peintres Sculpteurs Dessinateurs et Graveurs, Paris 1976, tomo VIII, p. 13; Alpers S., The decoration of the Torre de la Parada, IX, Bruxelles 1971, pp. 80-93; Bodo Guthmuller, Mito, Poesia, Arte. Saggi sulla tradizione ovidiana nel Rinascimento, Roma 1997, pp. 213-216.

Annotazioni redazionali: Questa incisione fa parte della serie che Virgil Solis realizzò nel 1563 come corredo sia all’opera di Johannes Posthius da Germersheim pubblicata a Francoforte che all'adattamento delle Metamorfosi del maestro cantore di Augsburg Johannes Spreng. Solis riprende fedelmente le incisioni di Salomon del 1557 (Cfr. scheda opera 23) ribaltandole e ingrandendone le dimensioni.

Daphne Piras