24: Cefalo e Procri

Titolo dell’opera: Cefalo e Procri

Autore: 

Datazione: 1521

Collocazione: Niccolò da Correggio, Fabula di Cefalo, Venezia 1521 (prima edizione 1507)

Committenza:

Tipologia: incisione

Tecnica: xilografia

Soggetto principale: Cefalo in piedi con accanto il cane Lelapo

Soggetto secondario: a sinistra Procri è nascosta dietro ai cespugli

Personaggi: Cefalo, Procri

Attributi: lancia, cane (Cefalo)

Contesto: scena all’aperto; sullo sfondo mura cittadine

Precedenti:

Derivazioni:

Immagini:

Bibliografia: Lavin I., Cephalus and Procris, transformation of an Ovidian myth, in “Journal of the Warburg Institute”, 17, 1954, pp. 260-286

Annotazioni redazionali: questa xilografia fa parte dell’apparato illustrativo della Fabula di Cefalo, opera teatrale di Niccolò da Correggio (Ceffr03) rappresentata per la prima volta a Ferrara nel 1487 in occasione del matrimonio del cavalier Giulio Tassoni e di Ippolita, figlia di Niccolò Contrari, e pubblicata a Venezia nel 1507 (l’incisione qui in analisi è presente nella prima e nell’ultima edizione del 1521). La favola raccontata da Correggio, pur essendo molto vicina alla narrazione ovidiana del mito di Cefalo e Procri, presenta numerosi cambiamenti, il più evidente dei quali è l’inserimento del lieto fine con la resurrezione della fanciulla ad opera di Diana. Cefalo, in primo piano, è in piedi, appoggiato alla sua lancia; la posa sembrerebbe  derivare da quella classica di Poseidone con il tridente o da quella più tarda di Ercole poggiato sulla clava. Da notare come Cefalo sia raffigurato nella stessa posizione registrata nella moneta d’argento proveniente da Cefalonia (Cfr. scheda opera 10). Accanto al giovane l’infallibile cane Lelapo; sulla sinistra Procri è nascosta dietro ai cespugli per spiare l’amato durante una battuta di caccia. Nel suo studio sul mito di Cefalo e Procri, Irvin Lavin (1954) sottolinea alcune analogie tra questa xilografia e uno dei dibattuti pannelli di Bernardino Luini conservati alla National Gallery di Washington, quello di Cefalo e le ninfe (http://www.nga.gov/collection/gallery/gg26/gg26-12155.html).

Roberta Talone