40: Callisto

Titolo dell'opera: 

Autore:   Anonimo incisore del XVI sec d.C, da Hendrick Goltzius

Datazione:  1590 ca.

Collocazione: 

Committenza: 

Tipologia: incisione

Tecnica: 

Soggetto principale: Arcade a caccia sta per uccidere inconsapevolmente Callisto

Soggetto secondario: 

Personaggi: Arcade, Orsa, Giove

Attributi:  arco, freccia (Arcade); orsa (Callisto); aquila (Giove)

Contesto:  scena all’aperto

Precedenti:

Derivazioni:

Immagini:

Bibliografia: Reznicek E.K.J., Die Zeichnungen von Hendrick Goltzius, Haentjens Dekker & Gumbert, Utrecht 1961, pp. 290-291; Strauss W. (a cura di), The Illustrated Bartsch, vol. 3, Hendrik Goltzius,Abaris Books, New York 1980,pp. 325-327; Davidson Reid J., The Oxford Guide to classical mythology in the arts, 1300-1900’s, Oxford university Press, New York-Oxford 1993, vol. 1, p. 282

Annotazioni redazionali: L’incisione mostra Arcade, ormai adulto, che sta per uccidere inconsapevolmente la madre. In accordo con il testo ovidiano, Callisto, avendo riconosciuto il figlio, si ferma a guardarlo. In alto a destra i due vengono assunti in cielo come costellazioni da Giove, intervenuto per impedire il matricidio. Accanto al dio la tradizionale aquila. (cfr. scheda opera 37)

In calce i versi:

Dictynnae dilecta comes Iunonis ob iram

Ursa fit et nati cuspide pene perit.

Non tulit omnipotens, natamque Lycaone, celso

Arcade cum nato sydera in axe locat.

                                              Silvia Trisciuzzi