Sirfc02

I sec. a.C.

PUBLIO VIRGILIO MARONE, Bucoliche, II, 31-38

Mecum una in silvis imitabere pana Canendo:

Pan primum calamos cera coniungere pluris

instituit; Pan curat ovis oviumque magistros

nec te poeniteat calamo trivisse labellum:

haec eadem ut sciret, quid non faciebat Amyntas?

est mihi disparibus septem compacta cicutis

fistula, damoetas dono mihi quam dedit olim

et dixit moriens "te nunc habet ista secundum"

 

Traduzione tratta da: http://www.marcovalerio.it/antologia/Bucoliche/hypertext/indice.htm

Con me nelle selve imiterai Pan cantando.

Pan per primo insegnò a congiungere più canne

con la cera; Pan si cura del gregge e dei pastori del gregge.

Né ti dispiaccia strofinare il labbro alla canna:

cosa non faceva Aminta per imparare le stesse cose?

Ho una siringa di sette canne disuguali,

che un giorno mi donò Dameta, e morendo

mi disse: "Ha un degno secondo proprietario".