Deufm12

1350-1359

GIOVANNI BOCCACCIO, Genealogie Deorum Gentilium

Testo tratto da: Genealogie Deorum Gentilium,acura di Vincenzo Romano, Gius. Laterza e figli, Bari 1951, volume primo

Liber Quartus, cap. XLIII

De Pyrra Epymethei filia et Deucalionis coniuge

Pyrra Epymethei fuit filia, ut dicit Ovidius, et Deucalionis coniunx. De qua idem Ovidius sic: Deucalion lacrimis ita Pyrram affatur abortis: O soror, o coniunx, o femina sola superstes. Quam commune mihigenus et patruelis osigo. Deinde thorus iunxit, nunc ipsa pericula iungunt. Hec autem cum Deucalione viro diluvium passa est, eique IIIIor peperit filios.

Liber Quartus Cap. XLVII

De Deucalione filio Promethei, qui genuit Ellanum et Psythacum ey Dyonisium et Phe(ntratem).

Deucalion, omnium veterum testimonio, Promethei filius fuit, cui adulto Epymeteus patruus Pyrram filiam iunxit coniugio. Mitis enim ingenii homo fuit et Pyrra piissima femina, de quibus Ovidius: Non illo melior quisquam nec amantior equi Vir fuit, aut illa reverentior ulla deorum etc.  Huius  enim tempore apud Thessalos  ingens fuit diluvium, de quo fere omnes scriptores veteres mentionem faciunt; finguntque plurimi, excrescentibus aquis, Deucalionem solum cum Pyrra coniuge in navicula evasisse, et in Parnasum devenisse montem, et cum iam aque cessarent Themis adisse oraculum consulturi de humani generis restauratione; eiusque iussu, tecto capite solutisque  vestibus postergasse saxa, tanquam magne parentis ossa, et ea in homines feminasque conversa. Hoc figmentum  a Barlaam sic explicatum referebat Paulus. Dicebat enim se legisse in Grecorum antiquissimis annalibus ob hoc diluvium territos homines, et ad suprema usque montium effugisse, atque intrasse cavernas, et antra una cum mulieribus suis expectaturos finem; et ad hos Deuacalionem et Pyrram, cessantibus aqui, in mesto atque supplicum habitu accessisse, et Deucalionem hominibus et Pyrram mulieribus, non absque labore maximo, suasisse aquas cessasse / nec amplius fore timendum; et sic eos et verticibus montium atque ex saxeis antris, eis scilicet ambobus precedentibus, in habitationes et tecta reduxisse. Porro Theodontius non sic; dicit enim delatum Deucalionem cum coniuge at aliis pluribus in navi ad Parnassum, et cum cessassent aque, ibi regni sui sedem statuisse, cum primo Thessalis imperaret, et ex communi consilio tanquam pro bono publico factum, , ut revocatis hominibus et mulieribus e cavernis, quarum quantitas maxima longe hominum numerum excedebat, eo quod venientibus aquis pavidiores longe ante quam homines in montana confugerant, et sic ex eis nulla periit, cum ex hominibus multi absorpti sint, posita verecundia, quam per tectum caput intelligit, non enim verecundantur nisi videntes, indistincte homines quibuscunque mulieribus miscerentur, quod per solutas vestes dicit ostendi; nam ut ubi de Venere dictum est, Veneris cingulum est dictum ceston quod ipsa fert ad legiptimos coitus; cum vero illicitos tendit, cingulum deponit, et sic illi solutis vestibus in illicitos ire coitus ostendebant, et hoc augende prolis causa, cum ex multitudine mulierum virorum paucitas possit amplissimam prolem suscipere. Quod autem illos vocat ossa parentis, non ob aliud dictum puto, nisi quia sicuti saxa terre molem ne effluat continent, sic et ossa hominum corpora servant in robore; sic et labores agricoltorum agunt, ut ea producuntur ex terra ex quibus nutricamur atque consistimus, quasi videantur  ex agris assumpti qui incoluere  postea civitates. Ego autem reor illos parentis ossa dictos, quia ex cavernis  et antris montium uti lapides facimus, educti sunt, et ob duritiem suam saxei dicti.

 

Testo tratto da: Geneologia degli Dei. I quindeci libri di M. Giovanni Boccaccio ... tradotti et adornati per Messer Giuseppe Betussi da Bassano

Libro IV

Pirra figliuola d’ Epimetheo, e moglie di Deucalione. Pirra figliuola d’ Epimetheo, e moglie di Deucalione, si come piace ad Ovidio che di lei così scrive.

Deucalion con gli occhi lacrimosi in questo modo verso Pirra, o sorella, o mogliere, o donna sola sopra restata a tutti che il comune Genere, a me è l’origine del zio, Et indi il letto pur congiunse, e hora Ci congiungono insieme anche gli affanni Costei essendo tra tutte le donne pietosissima, insieme col marito Deucalione sopportò il Diluvio, e di lui partorì quattro figliuoli.

Deucalione figliuolo di Prometeo, che genero’ Ellano, Psitaco, Dionigi, e Fenetrate.

Per testimonio di tutti gli antichi, Deucalione fu figliuol di Prometeo, al quale cresciuto in età il zio Epimetheo diede per sposa la figliuola Pirra. Fu huomo di benigno ingegno, e Pirra donna pietosissima, de quali dice Ovidio.

Di lui homo miglior non fu alcun mai. Ne piu giusto, o di lei piu santa Dea.

Al tempo di costui in Thessaglia fu un diluvio grande, del qual quasi tutti gli antichi scrittori fanno ricordo, e fingono che crescendo molto l’acque, solo Deucalione con la moglie Pirra fuggirono in una barchetta, e pervennero sopra il monte di Parnaso, onde cessando già l’acque, andarono all’oracolo di Themi per consigliarsi sopra la rinovatione del genere humano, e per suo comandamento essendosi coperto il capo, et discinte le vesti pigliarono di sassi e con le mani si gli gittavano dopò le spalle, si come ossa della gran madre antica, e quelli si convertirono in huomini, e donne. Paolo riferiva questo sigmento in tal modo essere da Barlaam spiegato. Diceva egli haver letto in antichissimi annali de Greci per questo diluvio essersi smarriti gli huomini, e essere fuggiti sopra gli piu alti monti, e nascosti ne gli antri, e nelle caverne insieme con le sue moglie, per veder il fine, e a questi Deucalione e Pirra (cessando l’acque) esser andati in habito mesto, e Pirra a le donne il diluvio essere cessato, ne piu diversi haver tema, e così dalle cime di monti, e da i sassosi antri, andando loro innanzi, gli ridussero alle sue stanze e, habitationi. Ma Theodontio non dice così, anzi Deucalione con la moglie, e molti altri in una nave pervene al monte Parnaso, e essendo cessate l’acque, ivi fermò la sedia del suo reame percioche prima signoreggiava in Tessaglia, e di consentimento commune (come per pubblico bene) fu oprato che si richiamassero gli huomini, e le donne dalle caverne, le quali trapassavano di numero la quantità de gli huomini, percioche, venendo il diluvio, elleno molto piu paurose prima de gli uomini fuggirono sopra i monti, onde nessuna non ne andò a male, e de gli uomini molti da l’acque furono affogati, e vi metteno la vergogna figurata per lo capo coperto,percioche non si vergognamo, eccetto veggendo gl’huomini con le donne senza nessuna distinzione mescolati, il che dice deversi intender per le vesti discinte. Attento che (si come e stato detto, dove si ha trattato di Venere) il cingolo di Venere e  detto Ceston, il quale da lei e portato a i legitimi congiungimenti, quando poi va a gl’illiciti mette giu quello, e così quelli dimostravano andar in dishonesti congiungimenti, e questo per accrescere figliuoli, concio sia che pochi uomini da la gran quantità di donne ponno haver grandissima prole. Che poi gli chiami ossa de la gran madre, non penso cio esse detto per altro, eccetto, perche si come i sassi contengono che la mole de la terra non cresca, così le ossa serbano i corpi de gli huomini in vigore, e così ancho le fatiche de gli agricoltori oprano che quelle cose siano dalla terra prodotte, de quai siano nodriti e mantenuti, come quasi appaiano tolti dai campi quei che poscia abitarono le cittadi. Ma io istimo quei esser detti ossa de la gran madre, perche furono tratti fuori de le caverne, e da gli antridi  monti, si come facciamo noi i sassi, e per la sua durezza detti di sasso.